IL PASSATO DI GRIMALDI, IL PRESENTE DI CBA, IL FUTURO DI TONUCCI: QUESTIONE DI LEADERSHIP E INDIVIDUALISMO

Sabato 17 Mar 2012
IL PASSATO DI GRIMALDI, IL PRESENTE DI CBA, IL FUTURO DI TONUCCI: QUESTIONE DI LEADERSHIP E INDIVIDUALISMO

di Aldo Scaringella

Martedi scorso 13 marzo abbiamo annunciato che secondo quanto ci risulterebbe sarebbe in atto una trattativa fra lo studio Cba guidato da Angelo Bonissoni, e quel che resta del vecchio e glorioso studio Grimaldi. Comunque vada questa trattativa la notizia di un negoziato è di per se degna di grande attenzione. E suscita una serie di considerazioni:

1. Lo studio Grimaldi, che per primo aveva intuito, per ben due volte i trend di mercato, precedendo il flusso storico degli eventi è stato questa volta superato dagli eventi ed è arrivato al capolinea. Lo studio alla fine del secolo scorso aveva per primo avviato la trattativa con gli inglesi, portando in Italia il primo magic circle, Clifford Chance. Era stata un'avventura la cui dinamica è risultata a posteriori win win. Entrambi avevano avuto dei benefici. Poi a

Per continuare a leggere l'articolo ed accedere alla sezione commenti è necessario effettuare il login. Se non sei ancora registrato, ti ricordiamo che la registrazione è semplice e gratuita.
Puoi effettuare il login con la tua username o il tuo indirizzo email.
La password è case sensitive.
o

Articoli che potrebbero interessarti

  • HI.LEX, LE MANI SUL BUSINESS
    gio, 23 ott 2014

    Impegno diretto dei soci al fianco dei clienti, flessibilità e garanzia della qualità. Sono i tre fattori su cui è fondato il progetto professionale partito nel 2011 e che oggi conta su ricavi per 3,5 milioni di euro.

  • AVVOCATI PERSEGUITATI, 
DIFENSORI DEI DIRITTI CIVILI
    mar, 14 ott 2014

    C’è un’altra faccia dell’avvocatura contemporanea. Una realtà che descrive un modo assoluto di interpretare e svolgere la professione, azzerando la distanza che separa i concetti di diritto e giustizia.

  • SCOFFERI: A PROPOSITO DI ARTICOLO 18
    ven, 10 ott 2014

    Bisogna consentire a ogni imprenditore, e non solo a quelli di ridotte dimensioni, una effettiva autonomia decisionale sull’assetto ed organizzazione della propria impresa.

  • BAROZZI: IL TFR IN BUSTA PAGA? ECCO COSA SI RISCHIA
    ven, 10 ott 2014

    Prima di abolirlo però bisognerebbe ricordarsi che sul trattamento di fine rapporto si è impostato il sistema della previdenza privata.