IL PASSATO DI GRIMALDI, IL PRESENTE DI CBA, IL FUTURO DI TONUCCI: QUESTIONE DI LEADERSHIP E INDIVIDUALISMO

Sabato 17 Mar 2012
IL PASSATO DI GRIMALDI, IL PRESENTE DI CBA, IL FUTURO DI TONUCCI: QUESTIONE DI LEADERSHIP E INDIVIDUALISMO

di Aldo Scaringella

Martedi scorso 13 marzo abbiamo annunciato che secondo quanto ci risulterebbe sarebbe in atto una trattativa fra lo studio Cba guidato da Angelo Bonissoni, e quel che resta del vecchio e glorioso studio Grimaldi. Comunque vada questa trattativa la notizia di un negoziato è di per se degna di grande attenzione. E suscita una serie di considerazioni:

1. Lo studio Grimaldi, che per primo aveva intuito, per ben due volte i trend di mercato, precedendo il flusso storico degli eventi è stato questa volta superato dagli eventi ed è arrivato al capolinea. Lo studio alla fine del secolo scorso aveva per primo avviato la trattativa con gli inglesi, portando in Italia il primo magic circle, Clifford Chance. Era stata un'avventura la cui dinamica è risultata a posteriori win win. Entrambi avevano avuto dei benefici. Poi a

Per continuare a leggere l'articolo ed accedere alla sezione commenti è necessario effettuare il login. Se non sei ancora registrato, ti ricordiamo che la registrazione è semplice e gratuita.
Puoi effettuare il login con la tua username o il tuo indirizzo email.
La password è case sensitive.
o

Articoli che potrebbero interessarti

  • LA QUESTIONE PREVIDENZIALE E LE RAGIONI DEI “SELFIESTI”
    lun, 22 dic 2014

    In questa vicenda si concentrano anni di tolleranza delle istituzioni verso i furbetti che lavoravano in nero, le difficoltà dei giovani a entrare nel mercato, la crisi e l’annosa questione dell’insostenibilità di un sistema basato sul criterio retributivo.

  • LE NUOVE ROTTE DELLA COMUNICAZIONE DI TOFFOLETTO DE LUCA TAMAJO
    mar, 16 dic 2014

    Nuova campagna realizzata da Francesco Emiliani, l’adv elabora le immagini oniriche del fotografo polacco Leszek Bujnowski.

  • LATERAL O NON LATERAL? QUESTO È IL PROBLEMA
    lun, 15 dic 2014

    Le operazioni puramente opportunistiche, quelle a buon mercato ovvero quelle fatte per “dare un segnale al mercato” rischiano di ritorcersi contro la partnership e produrre effetti esattamente contrari a quelli desiderati.

  • «CONSULENZA SOTTOPAGATA, È ORA DI DIRE BASTA»
    mar, 9 dic 2014

    Parla Ettore Santucci, socio della law firm Goodwin Procter. «I legali italiani devono smetterla di svendersi e imparare a negoziare le proprie parcelle». Accettare un cap inferiore al budget? «Significa lavorare in perdita. Che senso ha?».